Igiene ambientale. Rinnovato il contratto nazionale.

0
147

RINNOVO CONTRATTO DI LAVORO FISE  IGIENE AMBIENTALE

Il  5 aprile 2012 Cgil-Cisl-Fiadel hanno firmato il rinnovo del Contratto di lavoro per l’igiene ambientale, arrivato dopo alcuni scioperi che, visti i contenuti del rinnovo, si sono rivelati inutili e dannosi per le tasche dei lavoratori.

L’accordo contiene un concentrato di nefandezze difficili da riscontrare in precedenti contratti anche di altri settori e si rivela come una resa incondizionata ai voleri dei padroni. I danni non finiscono con questa firma ma proseguiranno con un’appendice contrattuale che riguarderà l’obbligo al mantenimento del posto di lavoro in caso di passaggio di appalto, il mercato del lavoro e la democrazia sindacale.

Salario: Al 3°A è previsto un aumento medio di 45 € lordi per un totale di 1887 € nei 3 anni di validità del contratto  2011/2013. Al netto l’equivalente di una tazzina di caffè!!!

Contrattazione di secondo livello: Viene introdotto l’EGR (elemento di garanzia retributiva)di 150€ che assorbe il premio di qualità della prestazione e quello di produttività . Un importo nettamente inferiore a quello precedente.

Orario di lavoro: Confermate le 36 ore, le operazioni di indossare e togliere gli indumenti, farsi la doccia ecc. sono fuori dell’orario di lavoro. Viene allargata la possibilità per le aziende di utilizzare le settimane con orario ridotto e/o aumentato si può passare dalle 3 ore alle 50 ore max. con paga ordinaria. L’aumento della flessibilità consente notevoli  profitti alle aziende.

Lavoro straordinario: Confermate le 200 ore/anno. Precedentemente  le prime 26 ore avevano 15% maggiorazione e le altre 31%, ora le prime 50 il 15% le ore da 51 a 100 23% e le altre il 31%.

Lavoro notturno: Per i turni che inizino dopo le 4 l’orario diurno che prima era le 6 viene spostato alle 5 facendo risparmiare ai padroni un’ora di maggiorazione. 

Malattia: La perla del contratto!! Viene introdotta una MULTA di 15 € (detratti dall’EGR) fino ad esaurimento per  i primi 2 eventi di malattia che superino  12 gg. per anno solare, per i successivi la MULTA è di 35 €.

   L’ACCORDO SINDACALE