Sciopero generale

0
160

IL 23 ottobre SCIOPERO GENERALE DEL SINDACALISMO DI BASE

 CUB, Cobas e SdL hanno indetto uno sciopero generale di 24 ore di tutti i lavoratori privati e pubblici.
Ancora sciopero generale. Generalizzare e unificare le lotte in corso nella scuola, nelle fabbriche, nelle aziende e negli uffici sono gli obiettivi immediati dello sciopero generale previsto per venerdì 23 ottobre 2009. L’articolata piattaforma di CUB, Cobas e SdL rappresenta un ampio ed esauriente programma su cui costruire mobilitazione e consenso, fornendo uno strumento concreto e alternativo nelle mani delle lavoratrici e dei lavoratori. Le priorità sono:

-il blocco  dei licenziamenti e la riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario;

–  consistenti aumenti di salari e pensioni;

–  introduzione di un reddito minimo garantito per tutti;

–  aggancio di salari e pensioni al reale costo della vita;

–  continuità del reddito per cassintegrati e lavoratori atipici con assunzione a tempo indeterminato dei precari.

Questa piattaforma, contro i tagli alla scuola pubblica delle leggi Gelmini e Aprea, rivendica l’abrogazione della legge Bossi-Fini e del pacchetto sicurezza, con il mantenimento del permesso di soggiorno per i lavoratori stranieri, il sostegno alle energie rinnovabili, l risparmio energetico e al riassetto idrogeologico, e un’opposizione al nucleare e alla privatizzazione dell’acqua.Inoltre all’ordine del giorno troviamo anche: la messa in sicurezza degli edifici dai rischi sismici e tolleranza zero per i responsabili degli omicidi sul lavoro, investimenti nell’edilizia popolare e razionalizzazione del patrimonio immobiliare attraverso ristrutturazioni e requisizioni, diritto di uscita dai fondi pensione chiusi, difesa del diritto di sciopero, fine del monopolio di Cgil, Cisl e Uil, con pari diritti alle organizzazioni dei lavoratori contro la pretesa padronale di scegliere le organizzazioni con cui trattare, e rappresentanza elettiva democratica sui posti di lavoro.

Roma, 14 settembre 2009.