Lavoratori agricoli. No alla Naspi.

lavoratrici-agricole

L’INPS ha emanato il messaggio n. 3180 del 1° agosto 2017, spiegando  i motivi per i quali nega l’indennità di disoccupazione agli operai agricoli a tempo indeterminato. L’Istituto, nonostante la contrastante giurisprudenza, sente il bisogno di risparmiare, naturalmente sempre sui più poveri. Come al solito…

Lavoratori agricoli. Pubblicazione elenchi on-line con valore di notifica!

A partire dal 31 marzo, e per tutti i quindici giorni consecutivi, gli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli utili per l’anno 2012 saranno pubblicati con valore di notifica sul sito dell’Inps, www.inps.it, con accesso libero e senza utilizzo di PIN (vedi circolare n. 43 del 21 marzo 2012). Entro i venti giorni successivi alla pubblicazione, gli elenchi saranno trasmessi ai competenti Centri per l’Impiego. Per tutto il periodo di pubblicità sarà possibile accedere agli elenchi direttamente dalla home page del sito, dove è presente un apposito collegamento – “Pubblicazione elenchi lavoratori agricoli” – all’interno dello spazio “Informazioni in evidenza”.
Infatti, a seguito delle novità introdotte dal D.L. n. 98/2011 convertito con la Legge n. 111/2011, tali elenchi non saranno più affissi all’Albo Pretorio dei Comuni.
La pubblicazione online avrà valore di notifica agli interessati a tutti gli effetti di legge.
Gli elenchi saranno consultabili per singola Provincia e singolo Comune, ognuno sarà accompagnato da un frontespizio riportante l’anno di validità, il numero dei lavoratori, i riferimenti normativi e procedurali a base delle iscrizioni, l’organo e i termini per gli eventuali ricorsi amministrativi. Anche gli elenchi trimestrali delle variazioni, che saranno effettuate successivamente alla pubblicazione degli elenchi annuali 2012, saranno pubblicati esclusivamente sul sito dell’INPS con valore di notifica e, pertanto, gli interessati non riceveranno alcuna comunicazione riguardo alle variazioni effettuate.

La Circolare n. 43 del 21-03-2012

Lavoratrici agricole –Indennità per congedo parentale.

La Corte di Cassazione ha precisato che l’indennità di maternità per astensione facoltativa compete alle lavoratrici agricole non solo ove, nell’anno precedente, abbiano svolto cinquantuno giornate lavorative, ma anche nell’ipotesi in cui, pur non avendo lavorato nell’anno precedente, abbiano fruito del congedo di maternità per astensione obbligatoria dal lavoro.

Cassazione sentenza n. 24774-2009