Bonus di 80 euro anche a cassaintegrati, in Aspi e mobilità.

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 9/E del 14 maggio 2014, con una sorta di domanda e risposta, fornisce ulteriori chiarimenti su varie questioni concernenti i soggetti beneficiari, l’applicazione del credito da parte dei sostituti d’imposta, il recupero del credito erogato e il coordinamento con altre misure agevolative. Continua a leggere

Detassazione 2013. Le regole dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate, con circolare n. 11/2013, ha fornito le proprie indicazioni amministrative, integrative di quelle già emanate dal Ministero del Lavoro con la propria circolare n. 15/2013. La nota dell’Agenzia delle Entrate fissa alcuni principi che possono così evidenziarsi:

 

a)      le somme incentivanti già corrisposte alla data del 13 aprile 2013 (data di entrata in vigore del DPCM dopo i 15 giorni di “vacatio”) sulla base di accordi già sottoscritti vanno depositati (se ricorrono i presupposti del DPCM) alla Direzione territoriale del Lavoro entro il 13 maggio 2013;

b)      l’imposta sostitutiva del 10% si può applicare anche alle erogazioni previste da accordi precedenti se questi ultimi sono conformi ai principi fissati dal DPCM: in tal caso la detassazione può retro agire al 1° gennaio 2013, legittimando le somme agevolate corrisposte ai lavoratori prima dell’entrata in vigore del DPCM 22 gennaio 2013. Se il datore di lavoro non ha applicato la tassazione agevolata (perché ne attendeva la pubblicazione), può, con l’elaborazione delle prime buste paga successive alla circolare n. 11/2013, assoggettare le somme al 10% recuperando, attraverso la compensazione, le maggiori ritenute versate. Se vi è stata, nel frattempo, una cessazione del rapporto di lavoro, non essendo possibile riconoscere la fiscalità agevolata, il datore si limiterà ad immettere le registrazioni sul Cud, seguendo le istruzioni, in modo tale che il lavoratore potrà recuperare in via del tutto autonoma la tassazione più favorevole;

c)      l’erronea applicazione della tassazione agevolata applicata su erogazioni prive dei requisiti richiesti dal DPCM comporta l’obbligo per il datore di versare la differenza tra quanto già versato e quanto dovuto  a titolo di IRPEF, con l’applicazione delle sanzioni e degli interessi;

d)     la detassazione trova applicazione nei confronti dei lavoratori che nell’anno precedente hanno avuto un reddito da lavoro dipendente non superiore a 40.000 euro ed il limite massimo su cui è possibile applicare l’aliquota del 10% è pari a 2.500 euro lordi.

 La Circolare n. 11-2013

Cedolare secca. Non sempre conviene.

Il Decreto Legislativo n. 23 del 14 marzo 2011, art. 3, ha introdotto un regime facoltativo di tassazione dei redditi derivanti dall’affitto abitativo.

La possibilità di optare per la cedolare secca, cioè l’imposta del 19%  o 21% in base al tipo di contratto è riservata al locatore.

Il nuovo sistema non sempre conviene, in particolare se il reddito personale è basso, ma, se scelto, comporta vantaggi anche all’inquilino che non sarà tenuto a pagare l’aggiornamento del canone le imposte di registro durante il periodo dell’opzione, che gli deve essere comunicata tempestivamente dal locatore a mezzo raccomandata.

Per maggiore comprensione si pubblica la circolare esplicativa dell’Agenzia delle Entrate che fornisce i primi chiarimenti.

CIRCOLARE AGENZIA DELLE ENTRATE N. 26/E DEL 1 GIUGNO 2011

Lavoro notturno e detassazione. Nuove disposizioni.

Agenzia Entrate: compensi per incrementi di produttività per lavoro notturno e straordinario

 

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 48/E del 27 settembre 2010, ha fornito ulteriori chiarimenti circa la risoluzione n. 83/2010 in merito ai compensi per incrementi di produttività per lavoro notturno e straordinario.

 

CIRCOLARE N. 48 DEL 27 SETTEMBRE 2010

Lavoro straordinario. Quando è detassabile.

Agenzia Entrate: imposta sostitutiva del 10% su lavoro straordinario

 

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 47/E del 27 settembre 2010, ha fornito alcuni chiarimenti circa la risoluzione n. 83/2010 con la quale non si è inteso ricondurre nell’ambito dell’agevolazione il lavoro straordinario in quanto tale ma ha chiarito che risulta agevolabile il lavoro straordinario in quanto correlato a parametri di produttività.

 

 

CIRCOLARE N. 47E  DEL 27 SETTEMBRE 2010    Circolare Congiunta Min. Lav. e  Ag. Entr. n. 134950-10

 

Riforma fiscale. Per chi?

GETTITI E PAROLE…

TAGLIARE LE TASSE? A CHI? E PERCHE?

                                   UN PAESE DI “TARTASSATI” ED “EVASORI”:

Non esistendo sistemi fiscali “perfetti” (un po’ come le leggi elettorali), un sistema fiscale, generalmente, può essere:

-   più “efficace” che giusto

-   o più “giusto” che efficace.

Il dramma del nostro sistema fiscale, invece, è che esso non è:

a-  né efficace (stante l’enorme “buco nero” dell’evasione fiscale che ha consentito crescere negli anni)

b-  né giusto (stante la grave discriminazione dei lavoratori dipendenti e dei pensionati rispetto ai lavoratori autonomi: i primi tartassati con pesanti prelievi alla fonte, i secondi liberi di auto-denunciare a piacimento il proprio reddito!).

 Segno evidente del marcato “disequilibrio” del nostro sistema fiscale è che:

a-  mentre sulle spalle di lavoratori dipendenti e pensionati grava gran parte del “carico fiscale” pendente sugli Italiani (da soli, queste categorie garantiscono ben l’“82%” dell’intero gettito Irpef!)

b-  i lavoratori autonomi sono in grado di difendersi dall’elevata pressione fiscale:

-  “evadendo” le tasse (essendo il loro “reddito effettivo” difficilmente accertabile)

-  “eludendo” le imposte (ad esempio, scaricando l’Iva anche su beni ad uso personale)

-   e “dividendo le fonti di reddito” tra i componenti della famiglia (di modo che, pur a parità di reddito complessivo, il livello di reddito di ogni componente familiare si mantenga più basso di quello effettivo e rientri in scaglioni Irpef inferiori!).

                                                                                            IL “TAX FREEDOM DAY”

Del taglio delle tasse si discute oramai da anni, per lo meno dal 1994 (con lo slogan “meno tasse per tutti” è avvenuta la scesa in campo di Silvio Berlusconi).

Salve qualche intervento settoriale e sporadico (come la cancellazione dell’ICI sulla prima casa), però, di risultati concreti non se n’è visto l’ombra!

L’imposizione fiscale in Italia continua ad essere tra le più alte d’Europa (se non del mondo!).

In Italia quest’anno il “tax freedom day” (ossia il giorno dell’anno a partire dal quale i lavoratori, al netto delle tasse dovute allo Stato, iniziano a guadagnare fino alla fine dell’anno solo per se stessi) si è ulteriormente spostato in avanti: dal 22 al 23 giugno!

Ogni contribuente italiano, in pratica, nel corso del 2010 dovrà devolvere all’erario un’equivalente in media pari a tutto ciò che intascherà col suo lavoro dall’1 gennaio fino al 23 giugno!

 Un esempio di quanto il fisco sia vorace?

Nella dichiarazione dei redditi quando si raggiunge la soglia dei 28.000 euro scatta automaticamente l’aliquota del 38%: ciò vuol dire che una famiglia media italiana (con un reddito poco superiore ai 2.000 euro mensili, oggigiorno appena sufficiente per vivere se si è in affitto, si ha un mutuo da pagare o si hanno più figli a carico) deve restituire quasi il 40% del proprio reddito allo Stato!

Per fare qualche utile comparazione:

-  in Francia un contribuente dichiarante 55 mila euro di reddito paga solo “3 mila euro” di tasse sul reddito (mentre in Italia lo stesso sarebbe tenuto a pagare ben “16 mila euro”!)

-  mentre in Germania i redditi fino a 52 mila euro scontano un’aliquota del solo “15%”, contro un’aliquota del 42% per i redditi superiori (in Italia, invece, entro lo stesso livello di reddito l’aliquota Irpef varia dal 23 fino al “38%”!).

                                  BERLUSCONI (LA PROMESSA): “DUE SOLE ALIQUOTE IRPEF PER GLI ITALIANI!”

“Riforma fiscale? Si parta dalla riduzione a due delle aliquote Irpef!”.

Questo il progetto al quale starebbe lavorando il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ed il Ministro dell’Economia Giulio Tremonti.

La novità principale altro non è che la riedizione (per la terza volta) della proposta con cui lo stesso Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, si era presentato agli elettori già 15 anni fa: la riduzione delle aliquote Irpef a due sole (del 23% per i redditi inferiori a 100 mila euro e del 33% per i redditi superiori).

                                                       IL SISTEMA DELL’IRPEF VIGENTE IN ITALIA:

In Italia l’Irpef (l’imposta sul reddito delle persone fisiche) si articola:

-  in “cinque scaglioni” di reddito

-   ad ognuno dei quali corrisponde una propria “aliquota imponibile” (progressiva all’aumentare del reddito).

Più in dettaglio:

I-  per i redditi compresi tra 0 e 15 mila euro l’aliquota Irpef è pari al 23%

II- per quelli tra 15 e 28 mila euro al 27%

III- per quelli tra 28 a 55 mila euro al 38%

IV- per quelli tra 55 a 75 mila euro al 41%

V- e per quelli oltre i 75 mila euro al 43%.

Sui redditi più bassi, inoltre, grazie ad un complesso sistema di “deduzioni” dal reddito e di “detrazioni” dall’imposta, l’incidenza effettiva media dell’Irpef risulta pari:

- per i redditi fino a 8 mila euro, all’1,6%

- e per quelli compresi tra 8 e 15 mila euro, al 9%.

 Che l’Irpef rappresenti l’“imposta perno” del nostro sistema fiscale, infine, lo dimostra il suo enorme gettito, pari:

- a 163,4 miliardi di euro (contro i soli 43 dell’Ires e 38 dell’Irap)

- ad oltre i 2/3 dell’intero gettito delle imposte dirette

- e a ben 1/3 delle intere entrate tributarie dello Stato (pari a 471 miliardi di euro).

                                        COSA CAMBIEREBBE CON LA RIFORMA DELL’IRPEF ANNUNCIATA?

Se la riforma prospettata dal Premier entrasse in vigore, il sistema dell’Irpef si articolerebbe in due soli scaglioni di reddito con aliquote fiscali notevolmente ridotte rispetto alle attuali:

I- per i redditi tra 0 e 100 mila euro l’aliquota risulterebbe del 23%

II- mentre per i redditi oltre i 100 mila euro si ridurrebbe a solo il 33%!

                                                               CHI BENEFICEREBBE DELLA RIFORMA?

Un simile disegno riformatore risulterebbe premiante soprattutto per i ceti sociali più alti.

Più in dettaglio:

-  per le fasce sociali basse (dichiaranti fino a 15 mila euro) il beneficio fiscale sarebbe “nullo”: in sostanza, i soggetti più deboli (come pensionati e lavoratori percepenti meno di 1.000 euro al mese) non riceverebbero “1 solo euro” di riduzione fiscale!

- per le fasce sociali medio-basse (dichiaranti dai 15 ai 28 mila euro) cambierebbe ben poco, beneficiando di una minima riduzione dell’aliquota (dal 27% al 23%)

- per le fasce sociali medio-alte (dichiaranti dai 28 ai 75 mila euro) lo “sconto fiscale” risulterebbe già “sostanziale” (beneficiando di una riduzione dell’aliquota dal 38% al 23%)

- mentre le fasce sociali alte (ossia dichiaranti oltre i 75 mila euro) risulterebbero paradossalmente essere quelle in assoluto più premiate, beneficiando di una riduzione dell’aliquota dal 43% al 33% (di 10 punti percentuali netti!).

 Secondo l’ufficio studi della Cgia di Mestre (“Associazione artigiani e piccole imprese”):

- a fronte di una riduzione del carico fiscale di “520 euro” annui per una coppia con un figlio a carico e con un reddito di 21.500 euro ciascuno

- coloro che intascano più di 40 mila euro vedrebbero ridurre il loro carico fiscale di “2.320 euro”

- mentre coloro dichiarati oltre 100 mila euro disporrebbero di ben “14.170 euro” di sconto fiscale!

 ECCO PERCHE’ L’ANNUNCIATA RIFORMA DELL’IRPEF RISULTEREBBE “CLASSISTA”, “INIQUA”, “INSOSTENIBILE” E “POPULISTA”!

I-  UNA RIFORMA “CLASSISTA”!

A seguito dell’approvazione di una riforma del genere, a regime:

- mentre chi dichiarerà 100 mila euro di reddito annuo beneficerà di ben “14 mila euro” di sconto fiscale

- la maggioranza dei pensionati e dei lavoratori (dichiaranti non più di 15 mila euro) non beneficerà di “1 solo euro” di taglio dell’Irpef!

A dimostrazione del fatto che in pochi (anzi “pochissimi”) beneficerebbero della riforma in oggetto basti considerare il fatto che:

- mentre il 50,9% dei contribuenti (oltre 21 milioni) dichiara meno di 28 mila euro annui

- e il 93,2% dei contribuenti dichiara meno di 40 mila euro

- solo il 6, 8% dichiarano più di 40 mila euro

- solo l’1% (pari a 400 mila contribuenti) dichiarano più di 100 mila euro (contribuendo solo per il 17% all’intero ammontare del gettito Irpef)

- e solo lo 0,5% (pari a 150 mila contribuenti) dichiarano oltre 150 mila euro!

Questi dati, da soli, evidenziano il carattere “classista” di una riforma che sarebbe soltanto un’“offesa alla dignità” di chi lavora ed un “regalo” inatteso per grossi professionisti, ricchi ereditieri e speculatori economico-finanziari!

Qual è, dunque, l’“interesse generale” che giustifica una riforma “costosissima” ed a beneficio di una minoranza “risicatissima”???

 II- UNA RIFORMA “INIQUA”!

Secondo l’art. 53 co.2 della Costituzione “il sistema tributario è informato a criteri di progressività”.

Progressività dell’imposizione fiscale significa che:

a- chi guadagna di più, per un principio di “equità sociale”, deve pagare più tasse (non in proporzione ma “in progressione” al proprio reddito)

b- mentre chi guadagna di meno è tenuto a contribuire di meno alla finanza pubblica.

La riforma fiscale in discussione, invece, va esattamente nella direzione opposta!

Se si considera che il 99,5% dei contribuenti italiani dichiara redditi inferiori a 100 mila euro (per cui l’aliquota del 33% si applicherebbe soltanto ad una ristrettissima minoranza di contribuenti), tale riforma comporterebbe, di fatto, l’introduzione di un’“unica aliquota” del 23% su tutti i redditi: il pensionato o l’operaio pagherebbero allo Stato (in proporzione al proprio reddito) le stesse tasse dovute da un imprenditore, un medico, un commercialista, un avvocato o un libero professionista!

III- UNA RIFORMA “INSOSTENIBILE”!

Alle considerazioni sull’“impatto sociale” della prospettata riforma vanno aggiunte quelle sul suo “impatto economico”.

Come coniugare, infatti:

- la notevole diminuzione del gettito provocata dalla riduzione degli scaglioni e delle aliquote Irpef (intorno ai 20 miliardi di euro)

- con la tenuta dei conti pubblici dell’Italia (il terzo paese più indebitato al mondo, pur non essendo la terza economia al mondo)?

Quale sarebbe il vero prezzo (in termini di tagli alla spesa sociale e/o di aumenti della fiscalità generale, ossia di “macelleria sociale”) che gli Italiani sarebbero tenuti a pagare???

 IV- UNA RIFORMA “POPULISTA”!

Un ultimo interrogativo lo pone la tempistica degli annunci del Governo:

- il 9 novembre 2009 il Premier ha pubblicamente manifestato il suo proposito di riduzione delle aliquote Irpef

- appena quattro giorni dopo, però, ha parzialmente smentito se stesso dichiarando: “l’attuale situazione di crisi  non consente alcuna riduzione delle imposte”.

L’impressione, allora, è che si tratti dell’ennesima “boutade berlusconiana”!

Un ulteriore fatto, tra l’altro, ci impone di esser scettici:

lo scorso ottobre 2009 il Cavaliere si era impegnato (davanti all’assemblea di Confcommercio) per una riduzione dell’Irap nella Finanziaria 2010

poco dopo, però, il Parlamento, ha piuttosto concesso libertà alle Regioni di aumentare ulteriormente l’Irap in caso di deficit sanitario eccessivo

e poche settimane dopo, infine, lo stesso Cavaliere, dimenticandosi della promessa fatta, ha trasformare la riforma dell’Irpef nella priorità dell’azione di Governo.

Quale la ratio di questa politica dei “continui proclami”?

Verrebbe voglia, al proposito, di richiamare alla mente una notoria citazione del sen. Giulio Andreotti: “A pensar male si sbaglia… ma a volte ci s’azzecca!”.

              UNA PROPOSTA ALTERNATIVA DI RIFORMA DELL’IRPEF E DEL SISTEMA FISCALE:

Una riduzione dell’Irpef, sia pur necessaria (specie in una fase di generale impoverimento delle classi sociali medie, di perdita di potere d’acquisto delle famiglie e di crollo dei consumi), non può che avvenire:

- nel rispetto del principio di “progressività dell’imposta”

- e nel quadro di una lotta senza campo contro l’evasione fiscale.

Stante le limitate risorse finanziarie di cui dispone attualmente lo Stato:

- se è improponibile una “riduzione generalizzata” delle imposte per tutti

-  è, di contro, auspicabile una rimodulazione del carico fiscale su lavoratori, pensionati e famiglie in modo da alleviare il carico fiscale specificatamente:

a- sui percettori di “redditi minori”

b- e sulle “famiglie numerose” (l’introduzione del quoziente familiare, benché richieda uno notevole sforzo riformatore, dovrebbe divenire il principale obiettivo di qualsiasi riforma fiscale).

Sarebbe allora opportuna una progressiva RIDUZIONE:

a- DEGLI SCAGLIONI DI REDDITO (portandoli da 5 a 4)

b- E DELLE ALIQUOTE IRPEF.

Un nuovo possibile schema impositivo dell’Irpef, così, potrebbe essere il seguente:

I-  fino a 20 mila euro di reddito, riduzione dell’aliquota Irpef al 15%

II- fino a 40 mila euro, riduzione dell’aliquota al 25%

III- fino a 60 mila euro, riduzione del’aliquota al 35%

IV- oltre gli 80 mila euro, riduzione dell’aliquota al 40%.

 Una riduzione così sostanziale del gettito Irpef, ovviamente, sarebbe sostenibile solo riequilibrando il sistema fiscale nel suo complesso.

A tal fine sarebbe auspicabile:

 a- l’INTRODUZIONE DI UNA “TASSA PATRIMONIALE” SUI GRANDI PATRIMONI (ossia, di valore stimato superiore a “1 milione di euro”): una sorta di “imposta di solidarietà sociale” che garantirebbe un nuovo gettito fiscale in grado di compensare, almeno in parte, la riduzione del gettito Irpef e di incentivare le fasce sociali più ricche a spendere i propri redditi piuttosto che accumularli parassitariamente.

 I- L’AUMENTO DELLA TASSAZIONE SULLE “RENDITE FINANZIARIE”.

In Italia l’aliquota sulle rendite finanziarie è del 12,5%. Ciò significa che:

- mentre chi lavora paga l’Irpef dal 23 al 43%

- mentre chi fa impresa paga fino al 50% di tasse

- mentre chi consuma paga l’Iva dal 4 fino al 20%

- chi dispone semplicemente di rendite finanziarie (dunque guadagna sul capitale investito) paga solo il 12,5% di tasse!

Ragioni di “equità fiscale”, dunque, impongono di portare la tassazione delle rendite ad un livello più adeguato, comparabile con quello europeo: sarebbe auspicabile il raddoppio dell’imposta dal 12,5 al 25%.

 II-  l’AUMENTO DELL’IVA SUI “BENI DI LUSSO”.

E’ auspicabile spostare progressivamente l’imposizione fiscale sempre più dal reddito ai consumi, sulla base della constatazione che la capacità di consumo (salvo che per i beni primari) cresce all’aumentare del reddito: l’imposta sui consumi di beni “di lusso”, dunque, è l’imposta progressiva per eccellenza!

In Italia l’aliquota Iva varia dal 4% (per beni primari come il pane e la pasta) al 20% (per beni come i profumi): sarebbe opportuno portare al 25% l’aliquota Iva sui beni di lusso (come auto di grossa cilindrata, barche di grosse dimensioni, ville, piscine…).

 III- e la REINTRODUZIONE DELL’ICI SULLA PRIMA CASA PER I REDDITI PIU’ ALTI, ossia:

a- per i proprietari di case con redditi personali superiori ai 60 mila euro annui

b- e per i proprietari di abitazioni con un valore stimato superiore ai 500 mila euro.

 

Perdita di chance, danno all’immagine e demansionamento

Il risarcimento non si tassa.

Il risarcimento del “danno all’immagine”  e della cosiddetta “perdita di chance”, derivante al lavoratore dalla risoluzione anticipata del contratto di lavoro, è stato qualificato come danno emergente dalla Cassazione, con la conseguente esclusione dalla tassazione irpef in capo al soggetto percepiente. Sentenza n. 7043 del 112 aprile 2004; n. 12798 del 3 settembre 2002.

Uguale considerazione per il “demansionamento” , in base alla sentenza n. 28887 del 23 settembre 2008.

Anche l’Agenzia delle Entrate ha riconosciute  che tali somme non sono soggette ad imposta con la:

RISOLUZIONE N. 106 E del 22 aprile 2009