Latina 8 marzo. Festa della donna e non solo.

LA FESTA L’HANNO FATTA A TUTTI I DIPENDENTI, IN PREVALENZA DONNE, CHE PRESIDIAVANO IL POSTO DI LAVORO NEL VICTORIA PALACE HOTEL.

L’hanno fatta ai clienti alloggiati nell’albergo, svegliati all’alba dal frastuono “dell’assalto” dei reparti speciali in assetto di “guerra”.

L’hanno fatta alla dignità della vita dei dipendenti che chiedevano solo di mantenere il lavoro che c’è e per una diatriba giudiziaria viene a mancare.

L’hanno fatta all’etica della giustizia che presuppone il contemperamento di tutti gli interessi in gioco per i quali è necessaria una ribadita sentenza e non una semplice ordinanza per evitare l’impatto sociale ed il danno all’immagine della vocazione   turistica  dell’intero territorio.

L’hanno fatta al diritto costituzionale della libertà  di associazione  ”sequestrando” il sindacalista all’esterno per evitare contagi.

La festa, o meglio la frittata, è fatta. Ma, sia pure con tanta amarezza, diciamo che non finisce qui. Qualcuno dovrà pure rispondere dei danni procurati. Stiamo vedendo se è possibile una “class action”.

La battaglia si sposta in Tribunale ed inizia con due date già definite: il 31 di marzo ci sarà  l’udienza sulla legittimità dell’affitto ed il 1 di aprile sulla legittimità dell’ordinanza di “sloggio”.

I lavoratori saranno presenti in massa in entrambe le occasioni..

 rassegna stampa: Latina oggi 1   latina oggi 2   Il Messaggero

                                          ACCORDO CASSA INTEGRAZIONE

                                       Latina Oggi 2 aprile 2010

Victoria Palace di Latina

VictoriaI lavoratori in lotta hanno respinto il nuovo tentativo di chiudere l’albergo con il metodo messo in atto dalla nuova proprietà, lo “spoglio”, mediante il quale la Marte S.r.l. chiede lo sgombero immediato di clienti e maestranze per entrare in possesso della struttura con chiari intenti speculativi.

Il prossimo accesso è stato fissato per il 5 ottobre 2009, ma anche in quella data i lavoratori si opporranno con tutte le loro forze.

Nei prossimi giorni è attesa una convocazione dal Prefetto di Latina per tentare di pervenire ad un accordo che salvaguardi l’attività ed i posti di lavoro.

Latina, li 18/9/09