Latina. Victoria Palace, esercizio abusivo?

                          COMUNICATO STAMPA

 Ma il Victoria Palace di Latina non era stato  chiuso?

 Tanto risulta dall’ufficialità degli ultimi avvenimento conclusi con lo sgombero forzato da parte della forza pubblica in assetto antisommossa per riconsegnare l’immobile al legittimo proprietario, Marte S.r.l.

 Marte S.r.l., però,  dovrebbe è titolare solo delle mura, non degli arredi, né dell’abilitazione all’esercizio alberghiero, che appartengono alla società estromessa dall’attività in forza di un’ordinanza di sloggio.

 Peraltro, sussistono molti dubbi anche sull’idoneità degli impianti per il  rispetto delle norme di sicurezza.

 Inoltre, i lavoratori dipendenti sono tutti in cassa integrazione a zero.

 Da qualche tempo, si assiste ad un via vai di gente nell’albergo che fa pensare ad un parziale utilizzo della struttura, ovviamente per l’attività ricettiva. E non solo, perché in questi giorni l’intera   compagnia dell’evento  “Festival del Circo”, circa 70 persone,  è alloggiata nel Victoria Palace tipo pensione completa.

 Ci domandiamo: da chi sono stati assunti i lavoratori addetti ai servizi? Chi fattura i corrispettivi? Con quale autorizzazione amministrativa viene esercitata l’attività?

 Domande che vogliamo estendere anche alle Autorità preposte al rispetto delle leggi.

Rassegna stampa:LATINA OGGI   LA PROVINCIA LATINA OGGI 26 OTTOBRE

Latina 8 marzo. Festa della donna e non solo.

LA FESTA L’HANNO FATTA A TUTTI I DIPENDENTI, IN PREVALENZA DONNE, CHE PRESIDIAVANO IL POSTO DI LAVORO NEL VICTORIA PALACE HOTEL.

L’hanno fatta ai clienti alloggiati nell’albergo, svegliati all’alba dal frastuono “dell’assalto” dei reparti speciali in assetto di “guerra”.

L’hanno fatta alla dignità della vita dei dipendenti che chiedevano solo di mantenere il lavoro che c’è e per una diatriba giudiziaria viene a mancare.

L’hanno fatta all’etica della giustizia che presuppone il contemperamento di tutti gli interessi in gioco per i quali è necessaria una ribadita sentenza e non una semplice ordinanza per evitare l’impatto sociale ed il danno all’immagine della vocazione   turistica  dell’intero territorio.

L’hanno fatta al diritto costituzionale della libertà  di associazione  ”sequestrando” il sindacalista all’esterno per evitare contagi.

La festa, o meglio la frittata, è fatta. Ma, sia pure con tanta amarezza, diciamo che non finisce qui. Qualcuno dovrà pure rispondere dei danni procurati. Stiamo vedendo se è possibile una “class action”.

La battaglia si sposta in Tribunale ed inizia con due date già definite: il 31 di marzo ci sarà  l’udienza sulla legittimità dell’affitto ed il 1 di aprile sulla legittimità dell’ordinanza di “sloggio”.

I lavoratori saranno presenti in massa in entrambe le occasioni..

 rassegna stampa: Latina oggi 1   latina oggi 2   Il Messaggero

                                          ACCORDO CASSA INTEGRAZIONE

                                       Latina Oggi 2 aprile 2010