Malattia e visite di controllo. Pubblico impiego.

MalattiaIl nostro ordinamento prevede che i lavoratori assenti dal lavoro per malattia possano essere sottoposti a visite fiscali, volte a evitare fenomeni fraudolenti e abusi delle tutele accordate a coloro che non possono recasi a lavoro a causa del proprio stato di salute.

Sin dal primo giorno di malattia, sussiste in capo al lavoratore un obbligo di reperibilità presso il proprio domicilio per sottoporsi all’eventuale visita del medico fiscale. Continua a leggere

T.F.S. Dipendenti pubblici

Il Pagamento TFS Dipendenti Pubblici riguarda  tutti i dipendenti pubblici assunti a tempo indeterminato entro il 31 dicembre 2000 che non abbiano optato per il Fondo Pensione Complementare di categoria Espero per Scuola e AFAM e Perseo Sirio per tutti gli altri.

Trova invece automatica applicazione il TFR per tutto il personale assunto, a tempo determinato o indeterminato, successivamente al 31 dicembre 2000. Continua a leggere

Dipendenti e pensione di inabilità.

I dipendenti pubblici maturano il diritto alla pensione di inabilità,  così come disciplinata dall’art.2 comma 12 Legge n. 335/95, alle seguenti condizioni:

1) possesso di un’anzianità contributiva di cinque anni di cui almeno tre nel quinquennio precedente la decorrenza del trattamento pensionistico;

2) risoluzione del rapporto di lavoro per infermità non dipendente da causa di servizIo;

3) riconoscimento dello stato di assoluta e permanente impossibilità a svolgere qualsiasi attività lavorativa.  La Circolare INPDAP

 

Visite fiscali dipendenti pubblici. Nuovo regolamento

malattiaEntra in vigore il 13 gennaio 2018 il regolamento per le visite fiscali dei pubblici dipendenti

Il Ministero per la semplificazione e la pubblica amministrazione ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29 dicembre 2017, il  Decreto Funzione Pubblica 17 ottobre 2017 n. 206, contenente il Regolamento recante modalità per lo svolgimento delle visite fiscali e per l’accertamento delle assenze dal servizio per malattia, nonché per l’individuazione delle fasce orarie di reperibilità, ai sensi dell’articolo 55-septies, comma 5-bis, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. Continua a leggere

Contratti a termine. Nella scuola pubblica la legge non è uguale per tutti.

E’ quanto si ricava dalle considerazione del Ministero per la semplificazione e la pubblica amministrazione che ha emanato la circolare n. 3 del 2 settembre 2015pdf_icon, con la quale ha fornito alcuni chiarimenti in merito alla disciplina applicabile ai rapporti di lavoro a tempo determinato del personale delle scuole comunali, con particolare riferimento ai limiti di durata.

BUONA SCUOLA, AL VIA LE ASSUNZIONI.

Procedure di assunzione del personale docente in attuazione dell’articolo 1 comma 95 della legge “Buona Scuola”

Al via, dal 28 luglio 2015, la procedura nazionale finalizzata all’assegnazione di 66.107 cattedre e riservata agli iscritti alle graduatorie a esaurimento nonchè ai vincitori ed agli idonei del concorso “Profumo” 2012. Le domande di partecipazione potranno essere presentate via web, esclusivamente attraverso la sezione Polis – “Presentazione Online delle Istanze” (www.istruzione.it). scarica Il bando completo 

 

Lavorare fino a 70 anni è possibile. Così i giovani riposano.

Lavorare fino a settant’anni – disciplina, tutele ed effetti sul mercato del lavoro

GIOVANIarticolo di approfondimento di Marianna Russo (pubblicato sulla rivista Lavoro e Previdenza Oggi)

 “L’art. 24, comma 4, del c.d. Decreto Salva-Italia, D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214, incentiva il Continua a leggere

Contratti a termine. Massimo tre anni nelle supplenze.

 illegittima la reiterazione dei contratti a termine oltre i 36 mesi

corte_giustizia_ueLa Corte di Giustizia Europea, con sentenza C-22/2013pdf_icon del 26 novembre 2014, ha dichiarato contraria al diritto dell’Unione Europea la normativa italiana sui contratti di lavoro a tempo determinato nella parte in cui prevede la reiterazione, da parte della Pubblica amministrazione, dei contratti a termine oltre i 36 mesi (art. 10, comma 4bis, del Decreto Legislativo n. 368/2001). Continua a leggere

Dipendenti pubblici, assenze per visite mediche.

Funzione Pubblica: la disciplina delle assenze per visite mediche

Il Dipartimento della Funzione Pubblica, con circolare n. 2 del 4 febbraio 2014, detta alcune disposizioni operative ai datori di lavoro pubblici finalizzati all’interpretazione da fornire all’art. 55 – seppie, comma 5 ter, del D.L.vo n. 165/2001, come modificato dal D.L. n. 101/2013 poi convertito, con modificazioni, nella legge n. 125/2013. Continua a leggere